Via Papa Giovanni XXIII, 89 Trani (BT)

Che i limoni siano una preziosa fonte di vitamina C, è risaputo. Un limone ne contiene addirittura l’88% del fabbisogno giornaliero. E la “regina” delle vitamine ha un effetto indiscutibilmente benefico sul molteplici aspetti del nostro organismo:

– stimola le difese immunitarie proteggendo dagli attacchi di influenza e raffreddore
– ha un forte effetto antiossidante
– stimola la produzione di collagene
– favorisce l’assorbimento del ferro
– è fondamentale per la rimarginazione delle ferite
– contribuisce alla formazione dei globuli rossi.

Calorie e valori nutrizionali dei limoni

100 g di limoni contengono solo 11 kcal e all’interno di un limone troviamo in grandi quantità vitamine B1, B2, calcio, magnesio, ferro, fosforo, sodio, potassio e acidi organici (citrico, malico, tartarico). Questi ultimi sono importanti perché regolano l’equilibrio acido-basico all’interno del nostro organismo, evitando che un’eccessiva acidità ci renda maggiormente esposti all’insorgenza di infiammazioni e infezioni.

Perché i limoni fanno bene?

– Favoriscono la digestione
Il consumo di succo di limone durante i pasti è in grado di migliorare la digestione in quanto stimola la produzione dei succhi gastrici responsabili del processo digestivo. Dopo un pasto abbondante bollite in poca acqua qualche scorza di limone e un pezzo di radice di zenzero: una tisana naturale che vi farà sentire subito meglio. Per i più “temerari” in caso di indigestione bevete succo di limone con un pizzico di sale e uno di pepe nero
– Depurano l’organismo (soprattutto il fegato)
Le proprietà depurative e disintossicanti dei limoni sono in grado di favorire l’eliminazione di scorie e tossine accumulate nell’organismo, soprattutto degli acidi urici. Per questo viene consigliato a chi soffre di problemi al fegato bevendo acqua e limone al mattino a digiuno.
– Contrastano la formazione dei calcoli
Grazie alla presenza di acido citrico, i limoni sono in grado di contrastare la formazione dei calcoli, sia biliari che renali, e di favorirne l’eliminazione.
– Sono antibatterici
Il succo di limone contrasta la crescita batterica, soprattutto sui ceppi nocivi all’interno dell’intestino, e accelera il processo di guarigione in caso di infezioni alla gola o delle vie urinarie
– Abbassano i livelli di colesterolo
Bere regolarmente il succo di limone riduce i livelli di colesterolo cattivo e aumenta quelli del colesterolo buono. Inoltre alcuni studi scientifici hanno provato che una delle componenti presenti nella buccia dei limoni, la tangeritina, è in grado di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue.
– Fanno bene alla pelle
L’olio essenziale di limone è un buon rimedio naturale per contrastare i brufoli, le impurità della pelle e per rinforzare i capillari. Diluendone poche gocce in acqua, può essere utilizzato come tonico per il viso.
– Favoriscono la respirazione
Nel caso di difficoltà di respirazione o di insufficienza di ossigeno per esempio in alta montagna in occasione di arrampicate in alta quota, il succo di limone sembra essere un rimedio davvero efficace (almeno secondo quanto affermato da Edmund Hillary, il primo uomo a scalare l’Everest, che attribuirebbe gran parte del proprio successo proprio al consumo di limoni)
– Rafforzano i vasi sanguigni
Il consumo di limoni e del loro succo è considerato benefico al fine di rafforzare i vasi sanguigni. Questo grazie al loro contenuto di vitamina P, in grado inoltre di contribuire alla prevenzione di emorragie interne. La stessa vitamina renderebbe inoltre i limoni efficaci nella regolazione della pressione sanguigna.
– Proteggono dall’insorgere di tumori
Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che all’interno dei limoni ci sarebbero ben 22 elementi dalle proprietà anticancro, tra cui il limonene, presente nella buccia e nell’olio essenziale dei limoni. Questi composti proteggono le cellule dai danni che possono portare alla formazione di cellule tumorali e sarebbero in grado di rallentarne lo sviluppo.
– Migliorano la vista
Grazie al beta-carotene presente nei limoni, questi frutti hanno un’ottima azione antiossidante, fondamentale per la vista
– Favoriscono il senso di sazietà
Grazie all’alto contenuto di pectina (una fibra solubile) e acqua, la polpa di limone anticipa il senso di sazietà; e avendo poi pochissimi zuccheri, è l’alleato perfetto se volete cominciare una dieta.
– Leniscono il prurito
Grazie al potere antiinfiammatorio e analgesico, il succo di limone può esservi d’aiuto se avete un incontro/scontro con le ortiche o per le punture di insetti.
– Sono fonte di potassio
Il succo di limone grazie alla sua altissima quantità di potassio è utile da bere per reintegrare i sali persi quando si suda tanto, che sia per attività fisica o per grande caldo, e per regolare il battito cardiaco.

Controindicazioni del limone

Il limone non presenta particolari controindicazioni, a parte che naturalmente andrebbe usato con cautela in chi soffre di gastrite e reflusso gastroesofageo perché potrebbe causare acidità di stomaco e irritazione delle mucose.
Bisogna poi evitare di aggiungere il succo di limone nell’acqua bollente perché la vitamina C è termolabile, si rischierebbe quindi di comprometterne le proprietà.
Il succo di limone mette a rischio lo smalto dei denti a causa del suo contenuto di acido citrico; è quindi importante non soltanto diluire il succo di limone con dell’acqua, ma anche lavarsi i denti subito dopo averlo bevuto.

Come usare il limone in cucina

Il limone è molto versatile in cucina e può essere utilizzato innanzitutto al posto dell’aceto per condire l’insalata – in questo modo, grazie alla vitamina C presente, si favorisce l’assorbimento del ferro nelle verdure.
Si può usare come citronette (olio, sale, pepe e succo di limone emulsionati), aromatizzata come meglio preferite (erbe fresche o spezie), per condire pesce e carne, soprattutto alla griglia.
Si può berne il succo diluito in acqua tiepida a digiuno al mattino per depurare l’organismo.
Ci si possono preparare ottime marmellate e sorbetti.
E poi naturalmente si possono preparare diverse acque detox, che in estate sono l’ideale.

Acqua detox agli aromi di limone
Quest’acqua racchiude un intenso sapore di limone grazie a tutte le sfumature date dalla presenza del limone, del lime e del lemongrass (anche chiamata citronella, è una pianta con un sapore molto agrumato utilizzata spesso nella cucina thailandese ma facilmente reperibile anche in Italia).
Ingredienti
1 litro di acqua minerale naturale
1 limone non trattato
1 lime non trattato
1 pezzo di radice di zenzero
1 rametto di menta fresca
qualche foglia di lemon grass
Preparazione
Prendete un barattolo di vetro e versatevi l’acqua. Lavate il limone e il lime e pelate la radice di zenzero. Tagliate il limone a metà, spremetene una, filtrate il succo ottenuto e versatalo nell’acqua. Tagliate la restante metà a fettine sottili così come il lime e lo zenzero, sempre a fettine sottili. Mettete il tutto nell’acqua insieme a una decina di foglioline di menta fresca e altrettante di lemongrass. Chiudete il coperchio del barattolo, lasciate l’acqua in infusione in frigorifero per almeno 1 ora e bevetela entro le successive 12 ore.

Limoni marinati
In Italia sono poco conosciuti, ma i limoni marinati sono davvero l’ingrediente segreto che può trasformare i vostri piatti speciali in qualcosa di eccezionale.
Tagliati a dadini o a striscioline sottili sono perfetti per dare un tocco in più a sughi e stufati di carne, piatti di pesce fresco, cous cous, zuppe di legumi, a un condimento veloce per un piatto di spaghetti (per esempio in padella con qualche pomodorino, dei capperi, qualche foglia di basilico e un trito di limone marinato) e nelle insalate estive con cetrioli crudi, pomodorini, cipolla di Tropea e menta fresca.
Ingredienti
3 limoni non trattati
1 limone per il succo
5-6 cucchiai di sale integrale a scaglie
acqua bollita e lasciata raffreddare
Preparazione
Lavate e asciugate bene i limoni. Prendete un vaso a chiusura ermetica e mettete un cucchiaio di sale sul fondo. Incidete a croce l’estremità inferiore di ogni limone, arrivando con il coltello fino a circa la metà del frutto.
Inserite un cucchiaio di sale nell’incisione di ogni limone e posizionate il frutto nel vaso con il taglio rivolto verso il basso.
Cospargete di ulteriore sale il limone che è già nel barattolo e procedete allo stesso modo con gli altri due. Finite con un ultimo cucchiaio di sale.
Irrorate con il succo di un limone e poi riempite il vaso con l’acqua sterilizzata, in modo tale che i limoni siano completamente sommersi. Chiudete il vaso e lasciate marinare per 3 giorni a temperatura ambiente, poi trasferite in frigorifero per almeno 2 settimane. Una volta pronti, si mantengono nel frigorifero anche 6 mesi.

Spaghetti di zucchine con limone, peperoncino e pomodoro
Ingredienti per 2px
4 zucchine fresche e sode
1 spicchio d’aglio
1 peperoncino rosso fresco, senza semi e tagliato a fettine sottili
la scorza e il succo di ½ limone
225 g di pomodori ciliegini
olio evo
sale e pepe nero
foglie di basilico fresco
Preparazione
Tagliate le zucchine con un affettaverdure a spirale o a julienne. Metteteli in un colino e cospargeteli con del sale fino. Lasciateli riposare per 15 minuti a temperatura ambiente così che “coli” l’acqua in eccesso contenuta nelle zucchine. Quando pronte strizzatele con delicatezze all’interno di qualche foglio di carta assorbente. Lasciatele da parte.
In una padella scaldate un filo d’olio, fate imbiondire lo spicchio d’aglio in camicia e aggiungete il peperoncino. Dopo un paio di minuti versate gli spaghetti di zucchine, grattugiate la scorza di limone, mettete i pomodori tagliati a metà e cuocete ancora per un paio di minuti massimo, finché gli ingredienti e i profumi saranno ben amalgamati.
Togliete dal fuoco, eliminate l’aglio, aggiungete il succo del mezzo limone, salate e servite con foglie fresche di basilico e un filo d’olio a crudo. 

Merluzzo al limone e zenzero
Ingredienti per 4 px
4 tranci di merluzzo
60 g di zenzero fresco
3 limoni grandi non trattati
1 rametto di rosmarino
tabasco
olio evo
sale e pepe
Preparazione
Preparate una marinata con olio, succo di limone e alcune fettine di zenzero e lasciate i filetti di merluzzo a riposarci dentro un’ora. Nel frattempo preparate la salsa di accompagnamento grattugiando lo zenzero avanzato, tritando finemente il rosmarino, aggiungendo il succo degli altri due limoni, due cucchiai di olio, qualche goccia di tabasco e un pizzico di sale. Passata l’ora, togliete i tranci dalla marinata, scolateli e cuoceteli solo per pochissimi minuti sulla griglia. Serviteli caldi, irrorandoli con la salsa di limone e zenzero.

Seguiteci sui nostri social ufficiali

Post Author: Carmela Scarpa

Lascia un commento

Chinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianSpanish